CITTA’ DI MESTRE, GRANDI VALORI NON SOLO A NATALE

Sarebbe stato bello festeggiare con una vittoria sotto l’albero, ma il vero spirito natalizio aleggia in casa arancionera e non solo in queste giornate di festa.

L’ennesima dimostrazione si è avuta sabato 23 dicembre al Bivio degli Artisti di Maerne, dove il presidente del Città di Mestre Marco Chiozzotto ha voluto riunire le sue squadre, con i genitori dei più piccoli, i suoi collaboratori e anche alcuni tra i tifosi divenuti da tempo amici.

Sui volti dei ragazzi della prima squadra è sparita la delusione per non essere riusciti, qualche ora prima, a rimettere il derby sui binari giusti dopo aver subito il secondo gol, uscendo dalla Coppa Italia. Delusione anche per il fallimento del “terzo tempo” che era stato organizzato di comune accordo tra le società, per brindare alle festività natalizie e interpretare al meglio lo spirito sportivo e leale della sfida. Solo tre-quattro giocatori e un paio di persone dello staff della Fenice si sono fermate a brindare insieme agli avversari, nonostante la tonda vittoria.

Tutto sommato comunque il pubblico ha assistito ad una gran bella partita, con un primo tempo equilibrato e condotto attentamente da entrambe le formazioni. Nella ripresa è bastata un po’ di stanchezza – anche mentale – in più da parte degli uomini di mister Michele Frizziero, per perdere il bandolo della matassa.

Nessun problema, ci sono le feste per recuperare energie e ripartire più carichi in campionato, anche se per qualcuno di loro non sarà un Natale del tutto sereno. Se Luca Agatea con il nuovo anno ha trovato lavoro, questo probabilmente significherà non poter essere più a disposizione del mister per il proseguimento del campionato. Hamza Ouddach è volato nei giorni scorsi ad abbracciare il suo papà che sta male ed è facile immaginare come possa vivere con questo pensiero, lontano da casa… Anche Andrea Marani, bomber della squadra che disputa il campionato CSI, è stato coinvolto in un incidente e in queste ore ha subito un intervento chirurgico.

Ma qui, al Città di Mestre, questi ragazzi hanno trovato una seconda famiglia che gioisce per le cose belle e li sostiene nei momenti più duri o di scoraggiamento.  Così anche una lotteria diventa un momento per stemperare le tensioni e sorridere anche delle offese. Tanti i regali e i piccoli pensieri distribuiti, mentre l’aiuto della società quest’anno è andato al Telefono Azzurro , da trent’anni punto di riferimento per bambini e ragazzi vittime di abusi e violenze.

E’ questo il vero spirito del Natale, non solo a Natale.

 

Informazioni su Alessia Da Canal 34 Articoli
Mi occupo da quasi trent'anni di di giornalismo e comunicazione, dai mezzi tradizionali ai new media. Per necessità ho imparato a cambiare e a rinnovarmi e mi stupisco dell'entusiasmo che ancora metto nell'imparare ogni giorno aspetti nuovi, anche tecnici. Lavoro per vivere e per amore della mia città, MESTRE.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*