IL SINDACO BRUGNARO: “IL MESTRE DEVE GIOCARE AL BARACCA”

“L’ A.C. Mestre deve continuare a poter giocare allo Stadio Francesco Baracca. L’Amministrazione si impegnerà, a fianco della Società, anche nei confronti della Lega Pro e delle Autorità Competenti, per sostenerla nell’iter di approvazione di un progetto che consenta di renderlo agibile per il campionato di Lega Pro. ”

Senza dubbio si tratta dell’apertura che tutti i tifosi avrebbero desiderato da parte del primo cittadino che nella sua pagina Facebook Brugnaro Sindaco precisa: 

“Voglio ricordare che, appena insediati nel 2015, siamo riusciti, nonostante le difficoltà di bilancio ereditate, a recuperare 3,5 milioni di euro per fare in modo che lo stadio rientrasse nella piena disponibilità del Comune. La Società, poi, quando lo ha avuto in gestione, ha eseguito i necessari interventi per giocare in serie D.

Oggi questa Amministrazione vuole ulteriormente dimostrare di essere a fianco dell’ A.C. Mestre, non solo a parole, ma con fatti concreti. La Società sappia che se presenterà un progetto di ristrutturazione del Baracca per la Lega Pro, il Comune di Venezia sarà pronto a fare la propria parte, anche cofinanziandolo.

Una decisione fondamentale per garantire ad una squadra che ha raggiunto importanti risultati sportivi, di poter continuare a giocare nel proprio stadio, supportata dai suoi tanti tifosi che potranno continuare a sostenerla vicino a casa.

Voglio, con l’occasione, complimentarmi con il presidente, la dirigenza e tutti i giocatori per aver raggiunto, nel primo anno di Lega Pro, i playoff. È un risultato che ci onora e del quale voglio omaggiarvi a nome di tutta la città”.

Informazioni su Alessia Da Canal 34 Articoli
Mi occupo da quasi trent'anni di di giornalismo e comunicazione, dai mezzi tradizionali ai new media. Per necessità ho imparato a cambiare e a rinnovarmi e mi stupisco dell'entusiasmo che ancora metto nell'imparare ogni giorno aspetti nuovi, anche tecnici. Lavoro per vivere e per amore della mia città, MESTRE.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*