TANTI AUGURI MESTRE!

E’ stato un abbraccio caloroso quello con il quale l’AC Mestre ha salutato i suoi tifosi per il Natale e gli auguri di fine anno. A partire dai suoi sostenitori più piccoli, che si sono assiepati ai piedi del palco allestito dal Comune di Venezia, in Piazza Ferretto, per le feste di Natale.

Uno tra tutti, Michele Cipolato dell’Under 15 arancionera, è stato accolto tra gli applausi ed ha ricevuto in dono il  gagliardetto firmato da tutta la prima squadra. Nel maggio scorso ha avuto un gran brutto incidente di gioco, ma con grande tenacia (dopo tre interventi chirurgici e un quarto in programma) ha già ripreso a giocare con i compagni ed è un simbolo per tutti dell’attaccamento a questa società e dell’amore per il calcio. A consegnargli il dono simbolico è stato tra l’altro Marco Beccaro, il suo beniamino tra i giocatori arancioneri. Miky ha ricevuto anche l’abbraccio del presidente Serena, che lo aspetta insieme alla sua famiglia in tribuna d’onore, per una partita del Mestre.  Il presidente arancionero si è poi rivolto alla città:

“Sono orgoglioso di essere riuscito a portare Mestre tra la categoria dei professionisti” – ha dichiarato il presidente dell’AC Mestre Stefano Serena – “Sono tra i privilegiati, anche se è molto complicato riuscire a sostenere un tale impegno soprattutto per noi mestrini. Non voglio alimentare nessuna polemica – ha aggiunto –  ma forse siamo l’unica squadra professionista che non ha uno stadio, nel senso che il Baracca purtroppo non ha le caratteristiche idonee per poter fare il campionato di serie C”. Serena non lo ha ricordato con spirito polemico, ma solo per ringraziare tutti i suoi uomini, collaboratori e tifosi, dei sacrifici che si stanno sobbarcando per poter giocare e seguire le partite perennemente in trasferta. “Purtroppo – ha concluso il presidente – dobbiamo anche privarci  dell’affetto di questi giovani allievi della scuola calcio e dell’Academy che per una questione di distanza e di concomitanza con le loro partite, non possono seguire le partite della nostra squadra”.

Serena si è detto soddisfatto del girone di andata e sicuro che in quello di ritorno la squadra continuerà a fare bene, perché ci sono ancora margini di crescita. “Il mio augurio – ha detto – è di poter dare altre gioie alla città di Mestre”. Un proposito fatto proprio anche da chi governa tecnicamente la squadra  orange, mister Mauro Zironelli. “Cercheremo nel girone di ritorno di farci rispettare – ha detto il tecnico – non siamo in un momento facile, ma contiamo di rimetterci in sesto al più presto per continuare la cavalcata fino alla fine dell’anno”.

La festa, in tutta semplicità, si è chiusa con un messaggio forte e non poteva che essere altrimenti. “Noi siamo favorevoli a tutte le globalizzazioni del mondo – ha ricordato Andrea Checconi Sbaraglini, voce ufficiale dell’A.C. Mestre – ma è importante ricordare la propria identità. Qui siamo al centro di Mestre e questo è il Mestre, che rappresenta la nostra città. Non ce ne dobbiamo mai dimenticare. Possiamo andare dovunque, ma dobbiamo tenere sempre alto il nome della nostra città senza mai vergognarci”.

Foto di rito e brindisi finale al Bar Sport, roccaforte arancionera, hanno chiuso questa bella parentesi augurale.

 

 

Informazioni su Alessia Da Canal 34 Articoli
Mi occupo da quasi trent'anni di di giornalismo e comunicazione, dai mezzi tradizionali ai new media. Per necessità ho imparato a cambiare e a rinnovarmi e mi stupisco dell'entusiasmo che ancora metto nell'imparare ogni giorno aspetti nuovi, anche tecnici. Lavoro per vivere e per amore della mia città, MESTRE.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*